Redmond nella tana di Bill

agosto 31, 2007

Autore: Gigicogo
Blog: Web Conoscenza
Data: 25 Marzo 2006

Ebbene, eccomi qui. A Redmond (Seattle) quartiere/città Microsoft.
Sto trascorrendo alcuni giorni, utili. Non solo per comprendere il nuovo Office Server (MOSS come lo chiamano in gergo) ma per capire come funziona l’intero ambaradan di Microsoft.
Questa cittadina dove molte etnie si mescolano e si fondono in nome dell’Information Technology non è particolarmente vivace. Tutto si svolge con ritmi tranquilli. Ogni building dove si fa ricerca e sviluppo, è immerso in una quiete unica dove i vari uffici (box) dei programmatori sono l’unica nota vivace.
Andiamo su e giù da un buiding all’altro per vedere come stanno sviluppando Office, come stanno implementando Vista, e anche le varie Xbox o altre diavolerie.
Poi arriva Bill, inizia la conferenza e tutto sembra normale, quotidiano ripetitivo.
Di Bill Gates mi ha colpito un aspetto in particolare. La mattinata nella quale ha presenziato alla riunione plenaria, mi ha stupito il suo atteggiamento generale. Dopo aver, effettivamente, fatto marketing dei suoi prodotti e dopo aver illustrato le sue visioni, ha lasciato il campo al question time.
Bene, fra me e me, ho pensato:”..adesso se ne va e continuiamo a fare le domande ai tecnici…..e si parla di robe toste!” No.
E’ rimasto.
Si è messo a rispondere ai programmatori, ha descritto pezzi di codice applicativo. Ma come? Non potrebbe farne a meno e godersi la vita? Ma che gli frega del codice?
Bill sei sempre uguale! E lo ammette anche Lui. Non riesce a staccarsi. E’ nato tecnico e continua a fare il tecnico appena ne ha l’opportunità.
Dopo alcuni giornia Redmond, dove ho avuto l’opportunità di conoscere anche molti italiani che vivono qui al campus, faccio la capatina al museo Microsoft per acquistare qualche ricordino e non rinuncio alla foto di rito.

Annunci

Bolso post

agosto 28, 2007

Autore: Bolsoman
Blog: Fed’s Bolsoblog
Data: 15 Dicembre 2002

Ok, here we go …


Sono partito anch’io

agosto 27, 2007

Autore: Studentefreelance
Blog: Studentefreelance
Data: 1 Maggio 2007

Anch’io sono partito.
Il lavoro è ancora tutto in fermentazione.
La mia idea principale è quella di poter riuscire a dare maggiori informazioni intorno a quello che viene così chiamato sistema di “formazione”.
Trovare informazione circa questo argomento,almeno per me, è sempre stato un dilemma.
Mi spiego meglio. E’ facile forse trovare informazioni su ciò che riguarda una facoltà, un corso, una Scuola in senso lato, ma per me risulta difficile sapere quanto quella “scuola” possa essermi utile, pertanto la cosa più ovvia da fare è quella di buttarsi un po’ alla cieca cercando informazioni sparpagliate, e sperare che tutto vada bene, se no sarà stato solo tempo perso!
Ecco questo è quello che avrei tanto preferito non perdere!
Il tempo. Una merce cara, pertanto ho pensato di mettere a disposizione, testimoniando anche insieme a chi vorrà darmi una mano, semplicemente le prorpie esperienze! Questo servirà per ora a coloro che verranno dopo di me, ma se quello che penso io si realizzerà, ovvero che tutti riesciranno a mettere e condividere le proprie esperienze dando una valutazione del corso formativo fatto sarà un beneficio di cui tutti potremo usufruire.
Per avere qualità dal sistema di istruzione bisogna, secondo me, creare una sorta di competizione tra le verie strutture d’istruzione, perchè secondo una legge economica solo la competizione crea qualità e miglioramento e spero che questo si avveri anche per l’istruzione.
Per competizione intendo che se tutti sanno ad esempio che la Facoltà Tal de tali a Roma funziona male perchè considerata da tutti poco efficiente, mentre quella di Tor Vergata, per ipotesi, è molto meglio, si creerà competizione in maniera tale che se l’atra facoltà non vorrà chiudere dovrà migliorare la qualità.
Spero che man mano che il blog proseguirà tutto vi sarà molto più chiaro.
A presto.


Bentornato

agosto 25, 2007

Autore: Joshuavox
Blog: Enjoy this silence
Data: 15 luglio 2005

Bentornato Fra, grazie. Cosa mi ha portato qui proprio non saprei dirlo; ma le decisioni prese in dieci minuti scarsi sono sempre le migliori. Migro da “Splinder” (troppo caotico, troppo blog) a “Blogspot” o “Bloggers” che dir si voglia, in realtà fanno tutti capo al pregiatissimo sig. Blog, che come tutti sapete è il nome dell’inventore di questo curioso modo di comunicare (una volta l’ho trovato scritto veramente, bello eh?)
Come al solito mi ritrovo a litigare con un template predefinito che mi impegno a modificare non appena ne avrò il tempo; intanto ci teniamo questo, scarno e “sincero”. Non so chi avrà l’onore (o l’onere) di mettere piede per primo qui dentro; probabilmente dovrò cominciare a spammare un po’ a destra e sinistra per annunciare del mio ritorno. Perchè in fondo si sapeva, che sarei tornato. Era solo questione di tempo, e credo sia anche un fatto di “stadi” che sto percorrendo; senza andare sul filosofico, lungi da me.
Raccontando un po’ di questi giorni… che dire, ieri sera dopo quasi tre settimane ho rivisto facce conosciute. Non è stata una gran serata se devo dire la verità, troppa gente, troppo di tutto. Mi basta molto meno; ma comunque ormai è andata, e aver visto (e salutato prima delle classiche partenze per il mare) qualche amico è stato tutto sommato positivo.
Adesso non mi rimangono che due esami da “sbrigare” la settimana prossima e poi l’estate mi investirà come un tir. Aspetto con trepidazione una serata, ancora in data da definire, questa volta con molte meno persone; giusto quelle indispensabili per non essere da soli. E grossi, grossissimi debiti da saldare. Credo che le parole arriveranno spontanee, senza farsi tanti problemi per uscire allo scoperto… e giù la maschera, che non ce ne sarà bisogno. Non vedo proprio l’ora; senza più “grazie” o senza più “scusa”… ma solo chi apprezza e si gode QUESTO silenzio lo può capire.
Mi vesto e me ne vado a lavorare, mente (e corpo) occupata fino a tarda notte. Ciò è positivo.


Aloha

agosto 24, 2007

Autore: aEnima
Blog: Aenimation
Data: 22/10/2004

Ah no…
Non mi va.. volevo aenima come nome del blog! Ma evidentemente qualcuno ha avuto la geniale idea di prevenire la mia mossa… e cosi sono rimasta fregata.. e ho messo un nome tutto ESCION poco fashion che però, pazienza, contiente almeno la parola aenima. ma questi sono solo dettagli.
Riporto aggiornamenti sul tempo: uggioso e trubbolo, lieve nebbiolina londinese, freddo non polare artico ma sopportabile.
Adesso si che mi diverto a modificare questo blog!
Poi cmq oggi dormo.. sisi.. non ho intenzione di morire di sonno tutto il dies diem!


La befana vien di notte…

agosto 23, 2007

Autore: Iaia
Blog: Pagine di Iaia
Data: 6 gennaio 2003

Tra una co(r)sa e l’altra, senza accorgermene, è arrivato domani. E dire che sembrava niente che era ancora ieri, e guarda te… è oggi! E mica è un oggi qualunque! Nooo! Oggi è la MIA FESTA!!! Tra dicembre e gennaio faccio:

  • Natale (va beh, quello capita a tutti. Almeno a tutti quelli che ci credono. O che ci devono credere)
  •  Compleanno
  •  Festa istituzionale delle befane riunite… proprio oggi.

Ma devo dire che questa volta mi sono davvero fatta un regalo: un blog che funziona! Ci avevo già provato, con scarsissimi risultati. Magari un giorno mi ci metterò lì e cercherò di capire cosa c’era che non andava. Oggi no, grazie…


Il mio primo post

agosto 22, 2007

Autore: Repule
Blog:  Paolo Ingrosso Blog
Data:  11 marzo 2007

Cari amici, colleghi, visitatori, visitatrici, benvenuti nel mio primo post.
Da tempo seguo il fenomeno blog, blogosfera e derivati, ma soltanto da poco ho deciso di aprirne uno mio.
Tanti blogger raccontano la loro giornata, o il loro lavoro, altri commentano di politica, economia, attualità, cultura, eventi, sport ecc. Il mio ha uno scopo ben preciso: sarà un blog di supporto ai miei studi e alla mia tesi di laurea. Il cuore del lavoro sarà incentrato sull’aspetto comunicativo delle aziende verso i loro utenti (CEO / Corporate / Business blog), piuttosto che sui blog personali in senso stretto.
E’ una passione che sta nascendo pian piano, mi sta coinvolgendo sempre di più. Ogni giorno a leggere, sbirciare e postare, come pure monitorare costantemente i diari di bordo delle aziende e quelli dei loro dipendenti è sia piacevole e curioso, che istruttivo e formativo.
Credo nei blog come strumento di alta efficacia comunicativa e talvolta virale e spero che molti manager, o molti aziendalisti e comunicatori, non solo nel marketplace, ma anche nel marketspace, ci credano tanto quanto me.
Concludo (scusate se mi dilungo un po’), e ribadisco il mio benvenuto personale agli amici e alle amiche, che hanno ricevuto un invito nella propria casella di posta elettronica e che spero, dalla prossima visita, non avranno bisogno di “minacce” postali per postare in questo blog.
Concludo davvero e spero che chiunque abbia il desiderio piacevole, o la curiosa abitudine di condividere conoscenza, semplici pensieri, esperienze pratiche, riflessioni teoriche o interessi personali sulla blogosfera. Questo bizzarro intreccio infinito digitale, fatto, scritto e commentato da blogger, per ampliare la propria ragnatela culturale, da studiosi, per aumentare la propria conoscenza e popolarità, da giornalisti per esprimere la propria opinione on line e infine da manager, per rosicchiare, catturare, mantenere gli utenti e trasformarli in “clienti”.