Redmond nella tana di Bill

Autore: Gigicogo
Blog: Web Conoscenza
Data: 25 Marzo 2006

Ebbene, eccomi qui. A Redmond (Seattle) quartiere/città Microsoft.
Sto trascorrendo alcuni giorni, utili. Non solo per comprendere il nuovo Office Server (MOSS come lo chiamano in gergo) ma per capire come funziona l’intero ambaradan di Microsoft.
Questa cittadina dove molte etnie si mescolano e si fondono in nome dell’Information Technology non è particolarmente vivace. Tutto si svolge con ritmi tranquilli. Ogni building dove si fa ricerca e sviluppo, è immerso in una quiete unica dove i vari uffici (box) dei programmatori sono l’unica nota vivace.
Andiamo su e giù da un buiding all’altro per vedere come stanno sviluppando Office, come stanno implementando Vista, e anche le varie Xbox o altre diavolerie.
Poi arriva Bill, inizia la conferenza e tutto sembra normale, quotidiano ripetitivo.
Di Bill Gates mi ha colpito un aspetto in particolare. La mattinata nella quale ha presenziato alla riunione plenaria, mi ha stupito il suo atteggiamento generale. Dopo aver, effettivamente, fatto marketing dei suoi prodotti e dopo aver illustrato le sue visioni, ha lasciato il campo al question time.
Bene, fra me e me, ho pensato:”..adesso se ne va e continuiamo a fare le domande ai tecnici…..e si parla di robe toste!” No.
E’ rimasto.
Si è messo a rispondere ai programmatori, ha descritto pezzi di codice applicativo. Ma come? Non potrebbe farne a meno e godersi la vita? Ma che gli frega del codice?
Bill sei sempre uguale! E lo ammette anche Lui. Non riesce a staccarsi. E’ nato tecnico e continua a fare il tecnico appena ne ha l’opportunità.
Dopo alcuni giornia Redmond, dove ho avuto l’opportunità di conoscere anche molti italiani che vivono qui al campus, faccio la capatina al museo Microsoft per acquistare qualche ricordino e non rinuncio alla foto di rito.

Annunci

One Response to Redmond nella tana di Bill

  1. gigicogo ha detto:

    Come nessun commento?
    Mi commento da solo!

    Grazie e complimenti per l’iniziativa.
    Ciao

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: