La difesa della Franzoni la paga lo Stato

settembre 26, 2007

Autore: Liberamente
Blog: LiberoWeb.Net
Data: 28 Dicembre 2005

In una intervista rilasciata nel Settembre 2003 alla trasmissione Report, l’Onorevole Avvocato Taormina dichiarò:
“Ma vede, ma vede guardi qui.. l’argomento secondo me e’ serio; il fatto appunto che un professionista, prenda il caso di un avvocato, vada in una certa citta’ per svolgere una causa, pare assolutamente, non consono o non, logico che, le spese dell’aereo o del treno gliele paghi, lo Stato; pero’ c’e’ un altro aspetto che.. c’e’ una inscindibilita’ .. tra.. il ruolo di parlamentare e quello di cittadino che svolge un’attivita’ professionale, cioe’ il parlamentare e’ parlamentare sempre, e non c’e’ un momento in cui non si e’ parlamentari, e anche quando si svolge una attivita’ professionale, in realta’ si e’ parlamentari.”
La dichiarazione era in merito allo stipendio degli Onorevoli e dei “rimborsi spese” a cui gli stessi hanno diritto.
Quindi presumiamo che se non ravvedutosi nel frattempo, gli spostamenti e i soggiorni per raggiungere il luogo dei processi, del delitto e delle indagini, siano regolarmente “rimborsati” dallo Stato Italiano, in quanto l’Onorevole Avvocato ne e’ autorevole rappresentante. In qualche modo stiamo quindi contribuendo alla Difesa di Anna Maria Franzoni.
L’onorevole Avvocato Taormina si propose per la difesa della Franzoni, quasi in segno di sfida rispetto ad alcune dichiarazioni del procuratore capo di Aosta e fu cosi’ che l’incarico gli fu affidato, d’altronde sappiamo bene quale importanza possano avere gli avvocati per l’andamento di un processo (vedi O.J. Simpson). Ma allora perche’ dobbiamo in qualche modo pagare la difesa della Franzoni e non l’accusa?
L’Onorevole Avvocato ad ogni modo sta facendo molto bene il suo lavoro, le sta’ provando veramente tutte:
Taormina: “Giudici accaniti, via il processo da Aosta”
“Ricorreremo in Cassazione”
Taormina presenta esposto contro pm
Taormina: “Faremo subito ricorso”
“Chiederemo il legittimo sospetto”
Cogne, Taormina: “Denunceremo i Ris”
In ultima battuta in caso le cose andassero male e’ gia’ pronto l’Asso nelle manica che oramai tutti gli avvocati difensori di omicidi hanno: “Incapacita’ di intendere e di volere”.
Ai posteri l’ardua sentenza, alle nostre tasche la “Nota spese” dell’Onorevole Avvocato.

Annunci

Ma quale famiglia?

settembre 24, 2007

Autore: Ivan_Mez
Blog: Azzurro
Data: 11 Maggio 2007

Vorrei sfilare idealmente con tutte le famiglie, comunque costituite, siano esse regolari, irregolari, tradizionali o diverse. Non esiste un solo modello di famiglia ma diverse famiglie e tutte legittimate al nostro rispetto.
I sostenitori del Family Day tentano di veicolare un modello standardizzato di famiglia naturale che oramai risulta superato dalla realta e dal vissuto quotidiano.
All’interno della famiglia compaiano nuove moralità, nuove sfide, si combattono su queste nuove battaglie di emancipazione, si vanno delineando e definendo nuove forme di amore e di vita comune. Quello che conta realmente in ogni famiglia è la qualità delle relazioni affettive ed un identico bisogno di diritti.


Benvenuti. Gradirei che vi toglieste le scarpe prima di entrare. Fate come se foste a casa vostra.

settembre 22, 2007

Autore: Signor Ponza
Blog:  Signor Ponza su Così è (se vi pare) v2.0
Data:  12 febbraio 2007

Ebbene sì, anche il Signor Ponza ha deciso di trasferirsi in una casa nuova e più grande (Six, non credere di avere l’esclusiva), anche perché ormai lo sanno tutti che l’investimento più sicuro è il mattone.
Vi invito a mettervi comodi, a prendere confidenza con il nuovo arredamento e a segnalarmi tutto ciò che non funziona. Come in tutte le case nuove che si rispettino ci sono molte cose che andranno sistemate, spostate, aggiunte, demolite. Mi ero ufficialmente stancato dei problemi di Windows Live Spaces (da alcuni ridenominato Windows Live Minchia, a ragione), perciò sono venuto a trovarne di nuovi qui.
Ricordate quindi di aggiornare i vostri blogroll, i vostri preferiti e le vostre rubriche: il nuovo indirizzo è http://www.signorponza.com (it’s easy, it’s fun) ed eventualmente anche l’indirizzo del feed che è diventato http://feeds.feedburner.com/cosiesevipare. Ma non vi preoccupate, per quanto riguarda i link verrò a rompervi le palline personalmente fino a che non mi rivolgerete più parola.
Questo post, dettato più che altro dall’incredibile emozione di mostrare agli amici per la prima volta la nuova abitazione, non ha senso logico nella sua costruzione, per cui procedo ora coi ringraziamenti. Grazie a Dionaso che è stato il mio alphatester e betatester preferito (anche perché era l’unico, ma questo non diciamolo). Grazie a Captain’s Charisma che, non so come, è riuscito a scoprire questo spazio quando ancora era secretato dalla CIA.
Mi dispiace per coloro che si aspettavano una vera e propria rivoluzione, un cambiamento epocale, una vita migliore, ma il mio direttore marketing preferito, Dionaso, (che era anche l’unico, ma questo non diciamolo) mi ha suggerito di caricare di aspettative l’evento all’inverosimile.
Dicevo, segnalatemi tutti i problemi che riscontrate, vedrò di risolverli compatibilmente con le mie limitate capacità mentali. Intanto inizio io a segnalarvene due. Purtroppo Windows Live Minchia qualche pregio, seppure nascosto abilmente, ce l’aveva. Per esempio il non dover digitare ogni volta i propri dati nei commenti e la possibilità di avere automaticamente l’avatar (l’immaginetta che precedeva il nome). Qui la cosa è un po’ più complicata all’apparenza. Il discorso del digitare i dati ogni volta che tornate a commentare (fatemi sapere se il problema esiste davvero) al momento non sono riuscito a risolverlo. Una soluzione potrebbe essere registrarsi al mio sito (sulla destra, nel box “Site Meta” ) e una volta effettuato il login selezionare la casella “ricordami”. Per quanto riguarda invece gli avatar, potete registrarvi a http://www.mybloglog.com (tutto gratuito, chiaro) scegliete un’immagine che vi rappresenti e poi ogni volta che commenterete qui l’immagine verrà automaticamente. Ci vuole davvero un minuto per registrarsi e poi potete anche dimenticarvene per il resto della vostra vita.
Ma stavo per dimenticarmi una cosa importante! Qui su Così è (se vi pare) v2.0 lo sfondo lo scegliete voi come più vi aggrada, basta cliccare sui quadratini sotto il titolo.
Ci sarebbero mille cose da dire, ma chiaramente me le sono dimenticate tutte. Spero che qui vi piaccia. A proposito, quale momento migliore per lanciare un sondaggione?


S’inizia

settembre 20, 2007

Autore: Andrea Chittaro aka Kit
Blog: La bottega di Kit
Data: 29 Dicembre 2006

Finalmente il regalo dello zio funziona. Purtroppo si è attivato il giorno prima di partire per la montagna, una settimana di sci, divertimento e quant’altro.
Tornerò il 6 gennaio.
Buon anno in anticipo…
KiT


Se non ci fosse un libro

settembre 19, 2007

Autore: Kiafallenangel
Blog: Fallen Angel
Data: 24 Settembre 2006

Sulla terra la vita ribolle come nel crogiolo delle streghe. E anche noi siamo stati plasmati con lo stesso materialefriabile dei nostri avi.
Qui il vento del tempo soffia attraverso di noi, ci solleva, diventa perte di noi per poi farci ricadere con un tonfo. Un mago ci fa suntare dalla sua manica e sparire nel suo cappello. C’è sempre qualcosa in fermento che aspetta di prendere il nostro posto. Perchè noi non posiamo i piedi su un terreno saldo, ma nemmeno sulla sabbia. Non possiamo sfuggire al Tempo; possiamo sfuggire ai re e agli imperatori, forse anche a Dio. Ma non al Tempo. Il Tempo ci vede ovunque, perchè tutto intorno a noi affonda in questo elemento senza fine. Il tempo non passa, Hans Thomas, e non fa tic-tac. Siamo noi a passare, sono i nostri orologi a ticchettare.
Nello stesso implacabile silenzio in cui il sole si leva a oriente e cala a occidente, il Tempo disgrega la storia. Travolge le grandi civiltà, corrode gli antichi monumenti e divora avidamente gli uomini, una generazione dopo l’altra. Per un attimo siamo parte di una folla smaniosa. Scorraziamo inconsapevoli su e giù per la Terra. Le hai viste tutte quelle persone che girano infaticabili sull’Acropoli! Ma tutto questo sparirà. Sparirà e sarà rimpiazzato da nuove folle. Perchè c’è sempre qualcuno in coda all’ingresso.
Eccoci qui a girare per la Terra come personaggi di un lungo racconto. Ci salutiamo, ci sorridiamo. Quasi a dirci: “Salve! Noi viviamo insieme! Facciamo parte della stessa realtà, o finzione!”… non è incredibile se uno ci pensa, Hans Thomas? Viviamo insieme su un pianeta dell’universo. Ma in breve tempo veniamo spazzati via! Abbracadabra! Spariti!
Noi viviamo, capisci. Però viviamo ora e in questo uomo. Spalanchiamo le braccia e diciamo che esistiamo. Poi però veniamo gettati tra i rifiuti e accatastati nel buio della Storia. Siamo personaggi di un’eterna mascherata, in cui le maschere entrano ed escono. La fila è lunghissima… Ci spetterebbe qualcosa di più, Hans Thomas. Il nostro nome meriterebbe di essere inciso in eterno, e non di essere spazzato via con una secchiata d’acqua.
Eppure dentro di noi esiste qualcosa che il tarlo del tempo non riesce a distruggere, perchè non appartiene a questo mondo. IL PENSIERO NON FUGGE, Hans Thomas.
Jostein Gaarder, L’enigma del solitario


Teppa

settembre 16, 2007

Autore: Alexios976 aka Fassbinder
Blog: Volevo Essere Fassbinder
Data: 18 Maggio 2006

Giovane vizioso, dissoluto, disonesto, furfante, capace di violenze e atti di delinquenza, per brutale malvagità.
Cazzo, ho cercato anche tra i sinonimi.
Io non ci sono!


Perché un blog? Perché questo blog

settembre 15, 2007

Autore: Andrea Opletal aka Adri
Blog: Loop Letal
Data: 12 Marzo 2007


Prima di tutto credo sia importante chiedersi cos’è un Blog e a cosa serve?.
La risposta può essere anche troppo semplice e banale.
Un blog è un diario on-line dove l’autore può scrivere e condividere i suoi testi con la community!
Negli ultimi 2 anni il fenomeno Web 2.0 è diventato una realtà e i Blog si sono diffusi a macchia d’olio e quasi tutti gli operatori di rete oggi ne possiedono uno.
Questo mio Blog “LoOp Letal” nasce dopo oltre un anno di esperienza, ho lavorato a diversi progetti, ho scritto su diversi blog, ho provato a creare e gestire un sito web, ho partecipato e sono iscritto a diverse community ma soprattutto ho maturato la volontà di creare qualcosa di mio.
LoOp Letal nasce dalle ceneri come la fenice e spero (ammetto di essere presuntuoso) diventi un punto di riferimento per qualcuno (in primis per i miei cari amici blogger).
Le idee sono tante e la voglia non manca, come per tutti è solo il tempo che rema contro ma cercherò di sopraffarlo.